Il Presidente Unicom Alessandro Ubertis intervistato da Advexpress 'Alla presidenza con tre obiettivi: fare rete, essere utili agli associati e rilevanti sul mercato'

Alessandro Ubertis ha assunto soltanto il mese scorso l'incarico di presidente logo advexpress.tvdi Unicom, ma ha già le idee chiare sulla direzione che vuole dare all'Associazione.
ADVexpressTv 
lo ha incontrato per farsi raccontare in anteprima quali sono i traguardi che intende raggiungere.
In primis, come ha spiegato Ubertis ai nostri microfoni, è necessario lavorare per fare rete all'interno dell'Associazione stessa: Unicom deve diventare un network solido e consolidato di professionisti, presente in modo capillare su tutti il territorio nazionale, per diffondere presso le imprese pubbliche e private la cultura della comunicazione. Come ha spiegato il presidente di Unicom ai nostri microfoni, l'intenzione è quella di aprire anche delle sedi locali dell'Associazione, che attualmente conta 120 le strutture associate: in particolare, sono già in corso le trattative per uno spazio a Torino, mentre prossimamente ci si muoverà per una presenza in Veneto e nel Sud Italia.
Anche per far fronte alla crisi dell'associazionismo, determinata dal fatto che attualmente molti soggetti sul mercato ignorano gli organismi associativi perché spesso risultano essere invisibili nei confronti delle istituzioni, Ubertis nei prossimi tre anni vuole lavorare principalmente per far raggiungere a Unicom tre obiettivi: essere utile agli associati, essere rilevante sul mercato, essere gioiosa, ovvero abbandonare quella visione negativa della situazione attuale che rischia di essere penalizzante.
Sul fronte dell'utilità, come ha anticipato il presidente Unicom ai microfoni di ADVexpressTv, c'è in cantiere il progetto di garantire agli associati nuovi servizi professionali. "Garantiremo alle imprese associate Unicom la possibilità di entrare in contatto con professionisti diversi: da consulenti d'impresa che possono fornire un aiuto in ambito di riorganizzazione e ammodernamento dell'azienda, a una struttura legale ampia e strutturata per rispondere a ogni esigenza)", ha affermato Ubertis.
Per essere rilevante sul mercato invece, Unicom stringerà accordi con le amministrazioni pubbliche e con imprese private che possano garantire agli associati un valore
aggiunto, rispetto ai non soci.
Per quanto riguarda il rapporto con le altre Associazioni, Ubertis ai nostri microfoni si è detto assolutamente disponibile a collaborare con Assocom, Assorel e gli altri organismi associativi: se è importante fare rete all'interno di Unicom, ancora di più lo è all'esterno, per acquisire forza, non solo dal punto di vista culturale ma anche di business.
"Da professionisti del settore conosciamo bene il valore del brand: ecco, Unicom e tutto il comparto hanno bisogno di una marca forte, in grado di rappresentare in modo efficace tutti, professionisti e imprese", ha chiosato Ubertis ai nostri microfoni.

Serena Piazzi

Il Presidente Unicom Alessandro Ubertis intervistato dal Direttore Responsabile Salvatore Sagone

Per gentile concessione di Advexpress 

logo_advexpress

 

Diventa socio

Video