Alimentare: Deludente dinamica della produzione alimentare 2006. ...

 

La produzione alimentare ha subito una penalizzazione specifica, circa 0,7%, per il calo della produzione saccarifera 2006, letteralmente “amputata" (–60,1% sul 2005) dalla Ocm (Organizzazione Comune di mercato) di comparto varata a Bruxelles. Si può stimare perciò che la crescita di produzione 2006, a parità di giornate e scremata dalla distorsione legata al saccarifero, sia stata +1,6%: praticamente a ridosso del +1,7% (a parità di giornate lavorative) del 2005. Allargando lo sguardo a un arco temporale più ampio, la produzione alimentare si è comportata in modo comunque encomiabile. Nel periodo 2000-2006, è cresciuta del +9,5%, con un tasso medio annuo del +1,6%. Mentre il totale industria, in parallelo, è sceso di –1,1 punti, con un calo medio annuo del –0,2%. Ne esce un differenziale annuo di trend di 1,3 punti, non trascurabile e che dimostra le grosse capacità anticicliche del settore in un periodo lungo e difficile. Gli acquisti delle famiglie hanno continuato a languire.

L’articolo Lo sfuso tra economia ed ecologia è su Largo Consumo 10/07. Elenco dei Citati nell’articolo. Se non sei abbonato, richiedi copia del fascicolo o visualizza gli Elementi a corredo: Tab1,Tab2.

Diventa socio

Video