Energia: dal 1987 consumiamo ogni anno più di quanto la Terra possa rigenerare. ...

Dal 1987 la specie umana consuma ogni anno più di quanto il pianeta possa rigenerare. I consumi globali, a parità di potere d’acquisto, sono cresciuti da 8 triliardi di dollari nel 1960 a 27 nel 1990 a 43 nel 2005, mentre il potenziale produttivo del “Sistema terra" è diminuito. Gli attuali sistemi economici e di produzione, i nostri stili di vita, la disponibilità di cibo e tecnologie e quindi il numero di persone attualmente viventi, sono il prodotto dell’abbondanza di energia fossile. Questa alimenta l’85% dell’economia globale ed è in rapido esaurimento; utilizzandola produciamo emissioni che danno origine a eventi climatici estremi come gli uragani, costati 300 miliardi di dollari, che nel 2005 hanno messo in ginocchio gli Usa. In Cina nel 2005 gli effetti collaterali della crescita economica, in termini di inquinamento e disastri ambientali causati dall’attività umana, sono costati tra l’8 e il 15% del Pil. La Svezia è uno dei tre Paesi più competitivi al mondo; per prima, sta avanzando verso l’obiettivo di essere libera dalla dipendenza da fonti fossili entro il 2020, senza sviluppare nuova energia nucleare.

L’articolo "Risorse energetiche in affanno" è su Largo Consumo 04/07.

Elenco dei Citati nell’articolo.

Percorsi di lettura correlati: Etica e Imprese nel largo consumo: Il comportamento socialmente responsabile delle imprese del largo consumo, Energia: fonti, consumo ed effetti ambientali.

Se non sei abbonato, richiedi copia del fascicolo.

 

Diventa socio

Video