Export Italiano: in progresso del 5,8% nel 2005 e si prevede un incremento annuo del 7,7%.

Uno studio di previsione elaborato dall'Oxford economic forecasting in collaborazione con la società Sace rivela che l'export italiano è in ripresa dal 2005 (in progresso del 5.8%) e che nei prossimi quattro anni crescerà mediamente del 7.7%. Tale ripresa è dovuta alla sapiente capacità di elaborare nuove strategie di approccio ai mercati stranieri e in particolare a quelli dei paesi in forte via di sviluppo: India, Cina, Malesia, Filippine, Corea del Sud, Russia, Turchia, Bulgaria e Romania. Senza dimenticare ovviamente i Paesi aderenti all'Unione Europea: la Finlandia, la Svezia, la Spagna, l'Austria e i nostri partner storici, quali la Francia e la Germania. Nuove opportunità per il made in Italy si prospettano pertanto, con l'auspicio di un benefico indotto relativo allo sviluppo del prodotto interno lordo. L'articolo "A ritmo di export" è su Largo Consumo 05/06. Elenco dei Citati nell'articolo. Per approfondimenti digita: "I divani d'Europa", "Investire in Cina", "Coltelli e forbici si difendono", "Protagonisti in divenire", "Made in Italy che piace in Cina", "Sandali e pantofole in equilibrio", "Import/export" e "Delocalizzazione" . Se non sei abbonato, richiedi copia del fascicolo o visualizza gli Elementi a corredo:Tab1, Tab2.
Diventa socio

Video