I 20 marchi più iconici e perché funzionano

La Croce Rossa È universalmente riconosciuta ed è sinonimo d’impegno in favore delle vittime delle popolazioni civili. Introdotta come un simbolo di protezione alla Convenzione di Ginevra del 1864, non ha alcuna implicazione religiosa dato che deriva dalla bandiera svizzera con i colori invertiti. Il colore rosso simboleggia la salute, l’attività ed il dinamismo, mentre il colore bianco rappresenta la purezza e la pace. Apple E’ immediatamente riconoscibile ed incarna tutti i principi della società. In precedenza il logo era stato rappresentato nei colori dell’arcobaleno. Attualmente è d’argento lucido che indica la modernità. Birra Bass Fondata nel 1777 in Inghilterra, il triangolo rosso è stato registrato e depositato come marchio n ° 1 nel 1875. L’uso di una forma molto semplice ed il colore primario sono stati decisive per farne un’icona. Uniqlo Fondata in Giappone come il  ’Unique Clothing Warehouse’, il logo di questa linea di abbigliamento basic è stato modificato in un logo bilingue in Uniqlo, o yoo-nee-koo-roh in giapponese. Subway La grande catena in franchising americano Subway, con oltre 36 mila ristoranti in 100 paesi in tutto il mondo, vende principalmente sandwich ed insalate. Fondata nel 1965, ha un logo con i colori giallo e verde che lo rende attraente ed accattivante. La prima lettera “S” e l’ultima lettera “Y” hanno delle frecce che raffigurano l’ingresso e l’uscita di una metropolitana. Il colore verde svolge un ruolo importante poiché tenta di trasmettere la freschezza e la bontà dei prodotti. Ralph Lauren Realizzato nel 1974, il logo raffigura un giocatore di polo. E  ’collegato immediatamente ad una percezione molto chiara della ricchezza e della tradizione Americana. Evoca sentimenti di orgoglio, elitarismo e stile di vita orientato al “buon vivere”. I due colori di base  sono rappresentativi di eleganza, prestigio e raffinatezza. Veuve Clicquot Questo marchio di champagne di lusso ha usato il colore di grande effetto per distinguersi dai suoi concorrenti ottenendo così un riconoscimento immediato. Zippo Zippo è un ottimo esempio di un marchio che trascende di gran lunga dal suo logo. L’innovazione dell’accendino antivento ha anche una notevole storia. Ideato da George G. Blaisdell nel 1930, durante la seconda guerra mondiale l’azienda cessò la produzione di accendini destinati ai mercati di consumo e si dedicò esclusivamente alla produzione per l’esercito americano. Il fatto che milioni di soldati abbiano portato l’accendino in battaglia è stato un catalizzatore significativo nella creazione di Zippo come icona in tutto il mondo. Inoltre sono uniche anche la forma, l’interazione ed il suono. Adidas Due grafici costituiscono il marchio dell’azienda tedesca di prodotti sportivi Adidas: il logo “trifoglio” simboleggia lo spirito olimpico mentre le strisce rappresentano una montagna in salita. La forma, i colori, i font sono semplici ma perfetti per stimolare la cultura giovanile a raggiungere gli obiettivi prefissati. Google L’Identità visiva di Google si esprime attraverso il suo logo, i colori e i suoi doodles. Paul Smith Il wordmark è splendidamente realizzato ma lo sfondo a strisce multicolore porta il marchio ad essere iconico rendendolo immediatamente riconoscibile in tutta la sua vasta gamma di prodotti. Ikea Fondata nel 1943 dal diciassettenne svedese Ingvar Kamprad, Ikea è sinonimo di design moderno, eco-friendly ed economico. I colori primari della bandiera nazionale svedese evidenziano le origini del fondatore, ma altrettanto ispirano fiducia (blu) e felicità, ottimismo e fantasia (giallo). Charity Water Charity Water ha un notevole design. La tanica nel logo è un simbolo di accessibilità all’acqua. Anche se è abbastanza conosciuto, non è ancora un marchio iconico. Toms Shoes E’ una for-profit fondato nel 2006 che progetta e vende espadrillas. Per ogni paio di scarpe vendute offre un altro paio ad un bambino bisognoso. Anche se Toms non ha ancora lo status di icona, il carattere san serif nella bandiera argentina gli dona un aspetto moderno ed essenziale. Dyson James Dyson nel 1970  riuscì a creare l’aspirapolvere senza sacchetto sfruttando la tecnologia ciclonica. Essere il primo, il migliore, innovativo ed unico prodotto del suo genere non poteva che diventare un marchio iconico. The Rolling Stones Progettato da John Pasche nel 1970 ed utilizzato per la prima volta nell’album Sticky Fingers, sintetizza con la sola forza dell’immagine tutta la ribellione e lo spirito trasgressivo della band. Divenuto ben presto un emblema iconico per i Rolling Stones è rimasto uno dei simboli del rock and roll. Victoria and Albert Museum Realizzato nel 1989 è “un’illusione tipografica”  che riesce ad essere ‘regale’ e moderno allo stesso tempo. Pixar L’introduzione animata della lampada è spiritosa, semplice ed originale. Irn-Bru La bevanda gassata scozzese con campagne di marketing innovative e talvolta controverse è la prima in vendita di bibite in Scozia ed è anche in diretta concorrenza con marchi globali quali Coca-Cola e Pepsi. Coca-Cola Conosciuta universalmente è un fulgido esempio di come oggi è desiderabile così come lo era più di un secolo fa. via www.creativebloq.com e www.famouslogos.us
Source Article from http://blog.unicomitalia.org/2012/11/13/i-20-marchi-piu-iconici-e-perche-funzionano/ I 20 marchi più iconici e perché funzionano http://blog.unicomitalia.org/2012/11/13/i-20-marchi-piu-iconici-e-perche...
Diventa socio

Video