I comunicati stampa e il calendario delle notizie

Il mondo del giornalismo ha le sue regole e, in qualche modo, anche i suoi rituali. Molto spesso, a parte gli aggiornamenti di più stringente attualità che vengono modificati di ora in ora, capita che nelle redazioni dei giornali ci siano notizie legate a una ripetitività stagionale o a scansioni interne stabilite come consuetudini:  nel mese di febbraio, ad esempio, è noto che i giornali italiani impieghino risorse e pagine consistenti per coprire il Festival di Sanremo, mentre in America nello stesso mese tutti i riflettori sono puntati sugli Oscar. E così via in una serie di punti fermi che vanno a costituire una specie di calendario delle notizie: a dicembre il tema dominante sono il Natale e le feste; ad agosto le vacanze e le mete turistiche; a gennaio gli oroscopi e i propositi per l’anno appena iniziato ecc.

Meno sommariamente, si può dire che l’attività redazionale, dovendo coprire ad ogni uscita un numero notevole di pagine, deve organizzare preventivamente il lavoro in modo da avere scadenze prestabilite e la sicurezza di poter coprire tutto lo spazio a disposizione. Dare una certa periodizzazione alle notizie significa anche capire ciò di cui stanno parlando gli altri e in qualche modo sintonizzarsi sulle attese di interesse del pubblico, al fine così di rendere più appetibile il proprio contenuto giornalistico.

(Via Del Monte & partner)

Diventa socio

Video