Incontro Malgara – Strona: Unicom e Upa concordano sulla opportunità di regolamentare le gare

Il Presidente della nostra Associazione Lorenzo Strona e il Direttore Paolo Romoli si sono incontrati il 14 settembre col Presidente di Upa Giulio Malgara e il Direttore Felice Lioy per un comune giro di orizzonte sulle principali problematiche del settore, affrontando in particolare l’annoso problema delle gare, su cui Unicom aveva precedentemente presentato una propria proposta (“Le gare private: istruzioni per l’uso” tuttora reperibile sul sito Unicom) subito accolta con grande favore dai Presidenti di Confindustria e Confcommercio. Anche Upa ha presentato nei giorni scorsi una propria “Guida al rapporto tra Utenti e Agenzie”: una pubblicazione ricca di suggerimenti, indicazioni e consigli sulla gestione di un rapporto che, specie negli ultimi anni, è diventato sempre più difficoltoso. Malgara e Strona sono stati lieti di riconoscere che i due documenti condividono innanzitutto lo spirito di partnership che deve essere alla base della collaborazione tra Utenti e Imprese di Comunicazione e forniscono in tal senso molte indicazioni a tutela degli interessi di ambedue le parti. Strona ha poi così commentato il documento Upa: Penso di poter affermare, sulla base di una lettura attenta del documento “Guida al rapporto tra Utenti e Agenzie”, che le indicazioni fornite da UPA ai propri associati vadano nella direzione giusta. Non solo per quanto concerne la “vexata quaestio” delle gare, affrontata tenendo presenti gli interessi degli utenti, ma senza dimenticare che le imprese di comunicazione, se devono operare in uno spirito di partnership, debbono poter contare innanzitutto su equità e trasparenza. Ritengo importanti, in particolare, alcune esplicite indicazioni: ad esempio l’affermazione che la gara non costituisce la modalità migliore per individuare un partner importante come l’agenzia di comunicazione, l’opportunità di rendere nota, a tutti i partecipanti, l’identità delle agenzie concorrenti, l’invito a limitare a cinque o sei - e possibilmente a due o tre - il numero dei partecipanti, l’invito ad informare prioritariamente dell’esito della gara stessa le imprese soccombenti. Sono indicazioni di assoluto buon senso che vanno nella giusta direzione, quella da tempo auspicata e sollecitata dalla nostra Associazione. In particolare mi piace sottolineare in questa sede ciò che si legge tra le righe dell’intero documento, e cioè che il progressivo degrado che negli ultimi anni si è manifestato nella qualità del rapporto cliente-agenzia non ha giovato a nessuno e che, pertanto, tale rapporto dev’essere ricostruito, partendo dal ripristino della dignità e dell’importanza del ruolo dell’agenzia. In questo contesto è opportuno che anche le imprese di comunicazione facciano la loro parte, assumendo, sempre e comunque, comportamenti ispirati a correttezza e trasparenza nel rapporto con gli utenti e con le imprese di comunicazione concorrenti. Ma alle imprese di comunicazione spetta un altro compito importante: quello di diffondere tra i propri clienti non associati ad UPA, i contenuti e lo spirito di questo documento. Ne deriveranno certamente vantaggi alle aziende utenti ed all’intero sistema delle imprese di comunicazione. Un sincero “bravo” a Giulio Malgara - e questa volta lo dico senza alcuna riserva - perchè, al di là dell’ovvia considerazione che UPA, in quanto sindacato, difende e tutela interessi di parte, ha saputo mettere da parte lo spirito corporativo, per privilegiare criteri di equità nel rapporto tra le parti e l’interesse complessivo del mercato. Colgo anche l’occasione per ringraziare Felice Lioy, che ha lasciato la Direzione di UPA, per lo spirito di collaborazione che, al di là delle inevitabili divergenze di opinioni e delle “baruffe”, peraltro connesse al ruolo, ha sempre dimostrato grande attenzione al rapporto con Unicom e sentimenti di amicizia nei miei confronti. E voglio indirizzare all’amica Valeria Monti, che ha assunto nei giorni scorsi il ruolo di Direttore Generale di UPA, insieme alle più vive felicitazioni, gli auguri più sinceri per un proficuo lavoro. Io credo che una valente professionista, che conosce dall’interno il mondo delle imprese di comunicazione, possa essere il miglior interlocutore possibile per tradurre nella pratica quotidiana le indicazioni, i suggerimenti e lo “spirito” che hanno ispirato la stesura della “Guida al rapporto tra Utenti e Agenzie”.
Diventa socio

Video