Internazionalizzazione del retail: nel 2003 i ricavi dei primi 10 player internazionali ha ...

Nel contesto competitivo innestato dal fenomeno dell’internazionalizzazione, il comparto della distribuzione al dettaglio non è stato oggetto di studi approfonditi, così come è invece avvenuto per i settori industriale e dei servizi finanziari. Questa in sintesi la premessa del volume “L’internazionalizzazione delle imprese al dettaglio" di Gaetano Aiello, professore straordinario di economia e gestione delle imprese presso la facoltà di Economia dell’Università di Firenze, edito da Franco Angeli. Secondo l’autore non è possibile cogliere nella loro interezza le nuove sfide del mercato globale senza comprendere le dinamiche del commercio moderno e dei suoi protagonisti. Il comparto è infatti presidiato da colossi multinazionali, la cui dimensione ed estensione territoriale li pone nella posizione di condizionare lo sviluppo economico di interi Paesi. Nel 2003 il fatturato dei primi 10 player internazionali ha toccato il 29% del totale sviluppato dai 200 principali competitor su scala mondiale. Altrettanto significativo l’incremento delle reti di vendita, finalizzato all’aumento delle economie di scala sui versanti degli approvvigionamenti, del marketing, della logistica e dell’information technology.

L’articolo "Il dettaglio si fa internazionale" è su Largo Consumo 04/07.

Elenco dei Citati nell’articolo.

Percorso di lettura correlato: Internazionalizzazione del retail.

Se non sei abbonato, richiedi copia del fascicolo.

 

Diventa socio

Video