Misurare la pubblicità on line dal CPM al CPA

Il grande sviluppo del mercato online ha cambiato il modo di distribuire i messaggi pubblicitari e quindi anche di misurare l’impatto delle inserzioni.
Il vantaggio delle campagne sul web consiste nel non avere limitazioni temporali e geografiche, potendo così raggiungere un’utenza estremamente ampia e allo stesso tempo facilmente tracciabile in localizzazione, abitudini, azioni online ecc.: alla personalizzazione più accurata della pubblicità si affianca dunque la possibilità di raccogliere un gran numero di dati sull’utenza.
I metodi più utilizzati per remunerare le inserzioni online, e quindi per misurarne l’impatto, sono il Cost per Mille (CPM), il Cost per Click (CPC) e ultimamente il Cost per Acquisition (CPA) che sta assumendo sempre maggiore importanza.

(via Del Monte & partner comunicazione)

Diventa socio

Video