Mobili: oggi sono più difficili da vendere che da produrre. ...

La globalizzazione impone nuovi metodi e canali per raggiungere e soddisfare il consumatore, per questo produttori e distributori spesso decidono di pensare insieme a nuove strategie per ottenere il successo in un mercato sempre più competitivo. Nel settore del mobile questa partnership è stata ostacolata da interessi di parte e dallo squilibrio che spesso caratterizza i rapporti distributore-produttore. Tuttavia nuovi produttori, in primo luogo la Cina, e numerose catene della grande distribuzione di fascia bassa, hanno messo in crisi il made in Italy del mobile ponendolo di fronte a una sfida che può essere risolta soltanto attivando meccanismi efficaci di partnership. In un periodo dove i mobili sono più difficili da vendere che da produrre, sostituiti nei sogni degli italiani da viaggi e tecnologia, il ruolo del distributore è senza dubbio centrale perché ha il polso del mercato e può intercettarne i bisogni in modo creativo. Il suo rapporto privilegiato e diretto con il consumatore lo spinge a cercare nuove strategie che spesso si allontanano dall’idea del monomarca presentata dalle grosse aziende produttrici.

L’articolo Strategie per far muovere i mobili è su Largo Consumo 09/07. Elenco dei Citati nell’articolo. Percorsi di lettura correlati: Mobili e arredamento. Se non sei abbonato, richiedi copia del fascicolo 

Diventa socio

Video