Olio di oliva: la riforma della Pac e i dettami Ocm costringono i produttori a cercare nuove ...

Nel corso degli ultimi anni il mercato oleario internazionale ha visto succedersi diversi cambiamenti a livello normativo e con la riforma della Comunità Europea. Soprattutto l'ingresso nell'Unione Europea della Grecia, di Spagna e del Portogallo, hanno determinato una diversificazione a livello di produzione dell'olio. Con l'entrata in vigore della riforma della Pac e con l'allargamento dell'Europa a 25 Stati membri dal 1 maggio 2004 è stato necessario avviare una nuova politica comunitaria a sostegno del settore olivicolo - oleario. Nel 2004 e nel 2005 i quattro maggiori paesi di produzione e di consumo (Spagna, Italia, Grecia e Tunisia) hanno aumentato di poco la loro quota di produzione sul totale mondiale, ma hanno diminuito il loro peso nei consumi complessivi a favore di altri Paesi come Regno Unito, Germania, Australia e Giappone. L'articolo "Riforma all'olio d'oliva" è su Largo Consumo 06/06. Elenco dei Citati nell'articolo. Percorsi di lettura correlati: Olio di oliva, Agroalimentare nel mezzogiorno. Se non sei abbonato, richiedi copia del fascicolo o visualizza gli Elementi a corredo: Tab1, Tab2.
Diventa socio

Video