Packaging: verso film plastici con migliori rese ottiche, meccaniche, di saldabilità e ...

Il cambiamento dei sistemi distributivi, i nuovi stili, la sempre maggiore disponibilità di alimenti freschi e pronti al consumo hanno determinato la richiesta di sistemi di imballaggio sempre più performanti. è sempre più ampia, poi, la gamma di prodotti freschi confezionati disponili sugli scaffali delle moderne superfici di vendita, dagli ortaggi di IV gamma, alle paste fresche in atmosfera modificata, dai formaggi sottovuoto ai salumi precotti a lunga conservazione. Di tutte queste esigenze deve tenere conto l'industria degli imballaggi. In questa direzione si è mosso il progetto Inopack, promosso dalla Regione Lombardia, che ha visto la collaborazione di enti di ricerca è l'Istituto per lo studio delle macromolecole (Ismac) del Cnr, il Dipartimento di chimica e chimica industriale dell'Università degli Studi di Genova e il Dipartimento di scienze e tecnologie alimentari e microbiologiche (Distam) dell'Università degli Studi di Milano e realtà produttive (Industria termoplastica pavese). A partire dall'analisi delle esigenze e dei problemi dell'imballaggio alimentare sono stati progettati, sintetizzati e caratterizzati nuovi copolimeri, con cui sono state realizzate delle miscele impiegate per la produzione di film plastici innovativi, le cui proprietà sono state testate e confrontate con quelle dei prodotti commerciali.

L'articolo "Nuove promesse dai polimeri" è su Largo Consumo 04/07.

Elenco dei Citati nell�articolo.

Percorso di lettura correlato: Imballaggio di prodotto.

Se non sei abbonato, richiedi copia del fascicolo.

Diventa socio

Video