A Palazzo Mezzanotte si è tenuta la terza edizione del business matching Internazionale

Cosa cerca chi investe in Italia? Quali i fattori che scoraggiano gli investitori? Quali le leve comuni che le imprese italiane devono adottare per internazionalizzarsi? Queste le domande al Social2Business 2013, il business matching internazionale che venerdi 29 novembre si è svolto a Palazzo Mezzanotte a Milano. Circa 500 le imprese coinvolte. Imprenditori, start upper, finanziatori: 500 “facce da business” (secondo il claim della manifestazione )che si sono date appuntamento per la terza edizione dell’evento organizzato dal Gruppo Giovani Imprenditori di Assolombarda con il supporto di altre territoriali di Confindustria (Milano, Alto Milanese,Bergamo, Brescia, Monza e Brianza, Pavia).Dopo il Castello Sforzesco, simbolo della città meneghina, è Borsa Italiana che ha ospitato  l’ultima edizione patrocinata quest’anno anche da Comune, Provincia e Regione Lombardia.  

"Social2business nasce come evento per parlare di contenuti e per fare matching e non per fare l’ennesimo convegno". Spiega Emiliano Novelli, Presidente del Gruppo Giovani Imprenditori di Assolombarda. "I convegni per come li conosciamo sono utili per la propria formazione  ma anche delle perdite di chance. Molte volte il business è dietro l’angolo ma non si creano e non si facilitano relazioni tra i partecipanti e neanche tra gli stessi relatori. L’idea del S2B è proprio quella di evitare questa perdita di chance e fare business. Il S2B nasce per ridare ottimismo, è un evento che vuole essere concreto con l’obiettivo di fare ripartire il business partendo dai giovani, dal networking e da Milano. L’obiettivo più ambizioso per il prossimo anno sarà poi quello di partire dall’evento fisico per arrivare al social online in una logica di reverse social network. Un punto di incontro che dia una forte possibilità di follow up e che permetta al S2B di non esaurire la sua carica di potenziale business al termine di ogni evento vivendo tutto l anno sul web".

"Innovazione, ricerca, competitività, internazionalizzazione e reti di impresa: sono questi i fattori su cui stiamo lavorando con la consapevolezza che sempre più incideranno sulla ripresa della nostra economia e sulla capacità del nostro territorio di attrarre nuovi investimenti, ha detto Mario  Melazzini , Assessore alle Attività produttive, ricerca e innovazione di Regione Lombardia. 
“In quest’ottica, Social2Business ha il merito di valorizzare in modo innovativo questi temi creando nuove opportunità di sviluppo e di crescita del sistema produttivo, promuovendo un proficuo confronto soprattutto tra i giovani imprenditori, che rappresentano gli attori principali del rilancio economico e su cui anche Regione Lombardia intende investire".
 “Il fattore frenante dell'economia e dell'impresa non è la crisi: è la scarsa propensione all'innovazione”. Le parole di Paolo Giovanni del Nero- Assessore allo Sviluppo economico, Formazione e Lavoro della Provincia di Milano. “L'attitudine creativa è da sempre stata una peculiarità del nostro "fare impresa", e del territorio milanese in particolar modo. Nel panorama internazionale, oggi l'Italia si posiziona all'ottavo posto, dietro USA, Corea, Giappone, Cina e Brasile, India e Germania. Per aumentare il potenziale innovativo le aziende debbono puntare su formazione, networking, uso consapevole dei social media e partnership. Tutte queste sono le leve strategiche del Social2Business. Ecco perchè, anche per questa edizione, la Provincia di Milano ha deciso di aderire e sostenere il Social2Business come partner istituzionale".

“La spinta all'innovazione è una delle ricchezze su cui da sempre poggia la forza economica e culturale della nostra città ed è un patrimonio da preservare e rilanciare. Milano potrà vincere la sfida dei mercati emergenti solo se saprà farsi forza di questo carattere distintivo, se saprà valorizzare la competenza e il merito, se non rinuncerà a fondere innovazione, studio e applicazione. Come Amministrazione stiamo favorendo il continuo  dialogo tra tutti gli operatori produttivi della città e del territorio poiché siamo convinti che solo la cooperazione e il mettere a sistema, conoscenze e opportunità consentirà  al sistema Paese di ripartire” così l’assessore alle Politiche per il Lavoro, Sviluppo economico, Ricerca e Università del Comune di Milano Cristina Tajani.

Due i workshop che hanno animato la serata a tema Megatrend e Internazionalizzazione sulla base di una ricerca condotta da The Boston Consulting Group sull’attrattività dell’Italia per gli investitori esteri. L’indagine allegata analizza i motivi per i quali in Italia è difficile fare impresa. Presentata da Claudio Baretti (Principal at The Boston Consulting Group) indica i motivi per cui l’Italia riesce a intercettare solo una minima parte di investimenti diretti esteri nel mondo calcolati per 1,400 $Mld all'anno: fattori macroeconomici interni, come dimostrano le scarse performance di crescita, la decrescita del PIL pro capite e della produzione industriale, sia di un calo dell’attrattività, come dimostrano i flussi degli investimenti esteri diretti. Tuttavia, pur in un quadro generale negativo, il nostro export continua a mostrarsi vitale, grazie alla forza del manifatturiero e alle imprese che eccellono in numerosi ambiti nonostante le enormi difficoltà dettate dalla competitività globale che avviene sempre più a livello di grandi aree metropolitane. In questo scenario, l’Italia si colloca al 73° posto per facilità nel fare impresa e al 42° per competitività. Ma la struttura economica del Paese è ancora importante 8° potenza economica per PIL1, 10° per ricchezza netta pro capite, 4% di produzione mondiale nel settore manifatturiero, 2° in Europa, 1 022 nicchie di eccellenza di prodotto.

"Il problema è che l’Italia non riesce a fare sistema. Bisogna essere più consapevoli della nostra forza, delle nostre qualità che sono nel codice genetico dell’Italia e degli italiani. Dobbiamo superare un grande problema psicologico, ovvero l’invidia competitiva." Queste le parole di Francesco Morace (Fondatore e presidente di Future ConceptLab). "Riuscire a condividere un progetto con il tuo vicino, con l’ imprenditore che è di fronte a te con cui normalmente, invece, si attivano delle dinamiche di competitività tutte centrate sull’”ombelico”. Bisogna  guardare al mondo come uno straordinario serbatoio che ci riconosce questa straordinaria unicità soprattutto nella qualità della vita. Quindi dobbiamo attrezzarci, sprovincializzarci e in alcuni casi dobbiamo farlo insieme ai nostri vicini. Sicuramente tra i trend in atto c’è questo grande ritorno all’human touch, della dimensione umana, dove noi italiani siamo peraltro molto bravi. La tecnologia non esclude la relazione umana ma l’amplifica. Quindi noi siamo bravi nella dimensione umana ma dobbiamo migliorare molto nell’uso delle tecnologie, superare il digital device,  e arrivare a quello che definisco il paradigma del futuro che è il Trust and Sharing. Quindi imparare a fidarsi, non tradire la fiducia dell’altro e poi condividere.
Bisogna imparare dai successi. Prosegue Francesco Morace"Da chi ha capito che doveva combinare il chilometro zero, la filiera corta, tipica del territorio italiano, quindi della qualità locale con un grande contenitore universale. Quindi un altro paradigma: Unique and Universal. Puntare sull’unicità italiana. Ma contenitori universali. Quindi la capacità di mettere insieme elementi locali e andare nel mondo e proporre questo format che è la nostra qualità della vita".

Successi come quello di Franco Manna, Presidente Rossopomodoro - Gruppo Sebeto SPA,  che riporta in scena uno dei core value principali del nostro paese come motore di attrattività. Imprenditore e dirigente d’azienda italiana, fondatore del marchio Rossopomodoro, Anema e Cozze, Rossosapore e Ham Holy Burger, localizza e internazionalizza una tipica cultura gastronomica, riconoscibile come made in Italy, e la rende internazionale attraverso una sistematica apertura di luoghi dove si condivide l’esperienza del gusto e dell’emozione, delle bellezze naturali del Paese, rendendolo attrattivo. Uno dei motivi del successo di Rosso Pomodoro, dice Franco Mannaè stato quello di aver puntato sul prodotto  e la sua storia. Avevamo tutto un mondo da raccontare. Conoscevamo inoltre la filiera dei prodotti che proponevamo. Anche in questi giorni un po’ tristi per l’agroalimentare campano, riferendomi a “terra dei fuochi”possiamo avere l‘orgoglio di essere quelli che portano avanti il prodotto campano perché ne conoscono la storia. Solo l’1% del territorio campano è stato assoggettato a questo problema di sofisticazione e inquinamento, noi non ci sentiamo parte del problema. Siamo dalla parte della qualità e dell’eccellenza. Lo stato dovrebbe intervenire. Casi come quello della terra dei fuochi andrebbero velocemente risolti . Come? Noi sappiamo che solo l’1 per cento del territorio è stato assoggettato a inquinamento per cui si potrebbe circoscrivere la particella catastale dove è presente il prodotto tossico e non usarla per la coltivazione. Ma manca la volontà in questo senso.L’agroalimentare andrebbe preservato e cosi non è".

Quali i trend attualmente in atto nel mondo? Come le imprese italiane possono agganciare la domanda dei consumatori nel mondo?
"Il mercato cinese è un mercato ad altissimo potenziale. Così è intervenuta Alessandra Guffanti, (Pres. Gruppo Giovani Sistema moda ItaliaI consumatori in questo momento si stanno avvicinando sempre di più alla nostra cultura lifestyle. Tuttavia noi dobbiamo rivalorizzare alcuni asset importanti: registriamo i nostri marchi che sono autentici; diamo un retail concept alla nostra immagine perché in questi paesi il prodotto è compreso più facilmente se è presentato all’interno di un suo contenitore; troviamo un approccio multiculturale . Per vendere il nostro prodotto all’interno della Cina abbiamo bisogno anche di un collaboratore cinese all’interno della nostra azienda perché non è solo il nostro prodotto a doverli convincere ma dobbiamo trovare le parole giuste". 

Asia ma anche Africa. Molti i mutamenti che si stanno sviluppando nel continente africano che impatteranno sulle strategie commerciali delle aziende italiane nel prossimo decennio. Secondo Simone Santi, Console Mozambico, "in questo momento 7 paesi africani sono tra i primi  10 paesi in crescita al mondo (Ghana, Etiopia, Mozambico, Tanzania, Congo, Zambia, Nigeria). Il Sud dell’Africa è la seconda area di crescita al mondo con 5.7 di crescita del Pil annuo. Un sondaggio dell’Economist  a livello mondiale indica come gli imprenditori mettono l’Africa come priorità assoluta (più del 35% ). Come può impattare sugli investimenti italiani? L’Italia è molto indietro perché l’informazione è spesso sporcata da altri temi. C’è una confusione tra il tema della cooperazione, il tema dell’impresa. Spesso si va sul “pietismo” e si racconta il male dell’Africa e non si racconta il bene. Quindi culturalmente l’Italia è ancora molto indietro. Se superiamo tutti i nostri vincoli e i nostri pregiudizi, che sono di carattere culturale e anche di carattere informativo,l’Europa e nella fattispecie gli imprenditori italiani, possono approfittare di un mercato che oggi ancora ritiene il made in italy un punto di forza. Alcuni giganti come l’Eni per esempio, possono fare da traino a tante piccole medie imprese italiane che in questo momento hanno bisogno di un mercato esterno come ad esempio, il mercato delle costruzioni. 

Sono intervenuti anche : Antonio Angioni (Direttore Generale Right Management), Luca Donelli (Sherpa of  Italian Delegation G20 YEA), Rosario Rasizza (AD Openjobmetis), Alberto Onetti (Chairman Mind The Bridge Foundation), Roberto Esposito ( Founder e CEO DeRev), Mauro Bruni (Fondatore e Presidente Aretè), Renato Bruno (Amministratore unico Tecnogen), Carlo de Simone (Resp. Funzione Desk Italia Simest), Giovanni Favero (Senior Partner Dale Carnegie Italia), Massimo Ferracci (Docente NIBI), Barbara Lunghi (Head of Small & Mid Caps Italy Borsa Italiana), Camillo Zola (Presidente Europartner) . Hanno moderato l’evento Massimo Russo (Direttore Wired Italia), Mariangela Pira (Class cnbc), Roberto Iotti (Sole24Ore), Francesco Maria Gallo ( Director Public Affaire Publione).

logo

Diventa socio

Video