Social media inside: gli strategist fuori o dentro l'agenzia? Il parere di Alberto Gaiga

18-banner-orizzontale OPCC

Perché, esiste per caso l’opportunità di ignorare qualche canale … quando si fa strategia? È un po’ come organizzare una cena e ignorare completamente il vino, solo acqua; sì, si può fare, è una questione di scelte. La domanda – forse più calzante – è “strategia social, dentro o fuori il vostro progetto?”.

Alla domanda originale rispondo: dipende contemporaneamente dalla dimensione dell’agenzia e dal livello della commessa … anche se ho una leggera preferenza per “fuori agenzia” in modo da assicurarmi SEMPRE le migliori e più aggiornate competenze e visioni … magari con esperienza pregressa in settori/applicazioni simili. A maggior ragione se l’agenzia è piccola: non outsourcing ma partnering con agenzie social specializzate.

Alla seconda domanda, quella rivista rispondo: mai ignorare il social, MAI! Il motivo è semplice: possiamo scegliere di non dar corso ad alcuna azione a causa del suo reach o peso % le rispetto ai nostri obiettivi, ma è un errore non fare almeno la valutazione di opportunità d’uso dei social.

Summa: giocoforza un minimo di competenza – proporzionata alla dimensione dell’agenzia – è necessario sia interna; competenza almeno minima per poter valutare e rendersi conto se è necessario ingaggiare anche il social, competenza alta per poter distinguere e giudicare le proposte dei partner di alto livello ingaggiati per “confezionare” la risposta.

Alberto Gaiga
Intesys
Tutor del settore web marketing

 

[caption id="attachment_49020" align="alignnone" width="230"]Alberto Gaiga Alberto Gaiga[/caption]
Diventa socio

Video