Valore, contaminazione e partecipazione per la casa dei comunicatori

Presentati oggi a Milano i risultati dei primi 15 mesi

Si è svolta oggi a Milano l’Assemblea Generale UNICOM, la prima dopo la nomina del nuovo Presidente UNICOM, Alessandro Ubertis e dell’annesso nuovo Consiglio Direttivo.
In questi 15 mesi (ndr: Assemblea elettiva 2016 si è svolta il 15 febbraio) – sostiene Alessandro Ubertis – con la mia squadra abbiamo messo a punto un programma di lavoro che permettesse di dare voce a tutte le professionalità presenti in UNICOM ed enfatizzasse il ruolo primario che un’Associazione deve arrogarsi: la rappresentanza degli interessi delle aziende aderenti, su scala nazionale e nei singoli territori di riferimento*
In un momento storico e di mercato come quello attuale, ci siamo anche resi conto – ribadisce Ubertis – che era ed è necessario presentarci con una creatività nuova che facesse tesoro del passato e agevolasse un giusto percepito del futuro che ci attende.
In tal senso, il Tavolo di lavoro della Cultura nella persona di Federico Rossi e Davide Arduini – entrambi Consiglieri UNICOM - ha fatto propria la richiesta realizzando uno studio ad hoc.
Inutile negare – interviene Federico Rossi, Direttore di Strategia di Sintesi Comunicazione  - che l'associazionismo negli ultimi anni stia attraversando un periodo di profonda rivoluzione. Per essere attrattivi, rilevanti e utili agli associati è necessario trovare nuovi modelli di relazione e nuovi driver di valore.
La nuova corporate identity Unicom non vuole essere un mero esercizio di stile per festeggiare i 40 anni dell'associazione o per rinnovare l'immagine e la comunicazione. E’ bensì frutto di una profonda analisi di marketing che ci ha portato – ribadisce Rossi - a valutare con spirito critico il dna di Unicom, la sua proposta di valore per gli associati e il posizionamento rispetto alle altre realtà del comparto.
TU, PER NOI, SEI UNICOM.”: questo il messaggio – informa Massimo del Monaco, Direttore Creativo KEYADV (società del Gruppo Acqua Group di cui Davide Arduini, Consigliere UNICOM, è Presidente) che sta alla base del restyle, non solo grafico e creativo, ma anche filosofico e di posizionamento di Unicom, che nasce in continuità con lo spirito che sin dalla creazione nel 1977 ha sempre caratterizzato un’Associazione che ad oggi rappresenta il maggior numero di imprese di comunicazione a capitale italiano, con oltre 100 strutture diffuse su tutto il territorio nazionale.
Con questo concetto si esprime quindi il rinnovato impegno di Unicom nel dare ad ogni singolo associato il ruolo di protagonista all’interno dell’associazione: l’unicità di ogni azienda diventa una sorta di segno di riconoscimento, di appartenenza, ma anche di collettività e condivisione.
Il nuovo corso di Unicom – conclude del Monaco - sta ad indicare una rinascita all’insegna dell’incontro, dell’innovazione, dell’aggiornamento professionale, della forza del dialogo e della condivisione: l’incontro delle imprese di comunicazione italiane diventa ancora di più anima e sostanza dell’esistenza e degli obiettivi di UNICOM.

Valore, contaminazione e partecipazione per la casa dei comunicatori.6Valore, contaminazione e partecipazione per la casa dei comunicatori.1Valore, contaminazione e partecipazione per la casa dei comunicatoriValore, contaminazione e partecipazione per la casa dei comunicatori.4Valore, contaminazione e partecipazione per la casa dei comunicatori.2Valore, contaminazione e partecipazione per la casa dei comunicatori.5

Salva

Diventa socio

Video